3640 visitatori in 24 ore
 181 visitatori online adesso


destionegiorno
Stampa il tuo libro



Enrico Baiocchi

Enrico Baiocchi

Ciao a tutti.

Nasco tantissimi anni fa in quella che è universalmente considerata la culla dell'arte: Roma, sotto l'ombra del "cuppolone".
Innamorato dell'arte in tutte le sue forme, pittura, scultura e musica, l'immagine è il mio credo, mi sono avvicinato alla scrittura da pochissimi anni, ... (continua)


La sua poesia preferita:
Quando mi scavalca il tempo
Mi perdo nell’alternarsi
delle ombre,
quando mi scavalca
il tempo,
senza più distinguere
lo ieri dal domani,
ripercorro, sudando,
i passi di memorie
nascoste dal velo
bluastro della nebbia.

E’ soltanto una sottile linea,
un accento...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Darsi negli occhi
Quando incontro le tue labbra
non è soltanto il darti un bacio
è lottare nella tempesta dei sapori

quando la mia mano sfiora il viso
non è il solo darti una carezza
è gustare l’odore violento del desiderio

ma è nell’abbracciar dei nostri...  leggi...

E tu dormi nel mio libro
Di luminose gemme,
una collana a incorniciar
quegli indelebili graffiti.

Incisi da un pennino d’oro,
nella corona spezzata
di un’infuocata sfera,

uno sciame di lapilli
di magma, ancora ribollente,
accompagna una preghiera

incerto...  leggi...

Caduto da’n zogno
Com’è diventata stupida sta vita
senza l’amore tuo ... s’è appassita
me sembra amara pure l’aria che respiro
si nun me senti nun te devi da penziero.

Quanno volavo, tenendote pe’ mano
era un ber viaggio ... sempre più lontano
poi ho fatto ‘n...  leggi...

La ragione del cuore
Mi sono chiuso al buio
per non poter vedere
immerso nella schiuma
per non voler sentire
riflesso in uno specchio
cercando di capire
ripetuto mille volte
che forse in questi giorni
c’è stato solo sesso
che un sogno nella vita
rimane sempre un...  leggi...

Amami, baciami, abbracciami
Quando si insinua il freddo
sotto le lenzuola

amami

perché tra le tue braccia
torni a scaldarsi il cuore

e se sentirai nel buio
il rumore di una lacrima

baciami

perché la tua dolcezza
annulli il mio dolore

ma se negli occhi un...  leggi...

Cuore vuoto
Mi manchi
mi manca la tua bocca
un dolce nido d’api
mi mancano i tuoi occhi
dove si specchiano le stelle
mi manca il tuo sorriso
un fiammifero dell’anima
mi mancano le mani
che scaldano il mio viso
trascinano carezze
e asciugano le lacrime
mi...  leggi...

A immagine e somiglianza
Hai vissuto
credendo in quei valori
che ti hanno costruito
una rigida corazza
hai voluto
coronare i tuoi amori
quando nel mezzo
di una guerra pazza
con la mamma
hai creato una famiglia
donando amore
a tre figli ed una figlia
hai...  leggi...

Fotografia
Se potessi
rompere quel vetro
per esserti vicino
carezzare quel volto
per scaldare la mia mano
sfiorare quella bocca
per donarti l’anima
baciare quegli occhi
per aspirarne lacrime
scivolare tra i capelli
e nelle spirali incatenarmi
spegnere la...  leggi...

Frutti di un amore
La notte, di nascosto
scruto il vostro sonno
vorrei svegliarvi
e dirvi quanto vi amo,
la mano resta ferma e stanca,
vorrei gridare per chiamare lei
ma il gelo copre le mie labbra,
rivedo l’angelo, dono della vita,
vorrei fermarlo e riportarlo a...  leggi...

Inizio e fine di una vita
Accaldati, ansimanti, felici,
perduti nella complicità dell’erba,
le nostre mani legate
nell’attimo più lungo dell’amore
accaldati, tremanti, piangenti,
nascosti nell’oscurità di una stanza,
le nostre mani legate
nell’eternità dell’addio...  leggi...

Enrico Baiocchi

Enrico Baiocchi
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Quando mi scavalca il tempo (21/05/2015)

La prima poesia pubblicata:
 
Soffro sognando (02/01/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Inseguire la paura (16/04/2020)

Enrico Baiocchi vi consiglia:
 Caduto da’n zogno (04/03/2011)
 Brandelli di parole (08/04/2011)
 Il sorriso della luna (20/02/2010)
 Impossibile poesia (24/06/2013)
 Come il sole che ogni giorno muore (08/01/2013)

La poesia più letta:
 
Cuore vuoto (24/05/2010, 15465 letture)

Enrico Baiocchi ha 10 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Enrico Baiocchi!

Leggi i segnalibri pubblici di Enrico Baiocchi

Leggi i 1919 commenti di Enrico Baiocchi


Leggi i racconti di Enrico Baiocchi

Le raccolte di poesie di Enrico Baiocchi

Enrico Baiocchi su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 24/11/2020
 il giorno 09/11/2020
 il giorno 25/10/2020
 il giorno 10/10/2020
 il giorno 25/09/2020
 il giorno 10/09/2020
 il giorno 26/08/2020
 il giorno 11/08/2020
 il giorno 13/07/2020
 il giorno 16/06/2020
 il giorno 03/06/2020
 il giorno 20/05/2020
 il giorno 06/05/2020
 il giorno 21/04/2020
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Enrico Baiocchi
ti consiglia questi autori:
 Antonio Biancolillo
 Rasimaco
 Patrizia Ensoli
 Nadia De Stefano
 Ventola raffaele

Seguici su:



Cerca la poesia:



Enrico Baiocchi in rete:
Invia un messaggio privato a Enrico Baiocchi.


Enrico Baiocchi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Lui era mio padre

Biografie e Diari

Ai miei figli non ho quasi mai parlato di mio padre, nonostante due su tre di loro non l'abbiano conosciuto (Elena era molto piccola, aveva solo due anni quando lui se ne è andato), mentre della nonna oltre ad aver avuto più tempo per conoscerla è più normale che conoscano molto di più, in quanto hanno sentito parlarne anche da mia moglie.

Tra noi figli e lui non c'è mai stato molto colloquio, usciva di casa la mattina alle 7 e rientrava verso le 14, 30, dopo il pranzo, da buon parastatale e da buon romano, andava a fare il pisolino, quando si svegliava il più delle volte noi ragazzi, dopo aver fatto i compiti eravamo già in strada o a fare qualche sport, quando non eravamo in parrocchia, ci si rivedeva la sera a cena, in casa vigeva la legge "si mangia tutti insieme quando c'è papà" e prima dell'avvento della televisione alle 21 e trenta eravamo già a letto, dopo...... uguale, perché finito Carosello a nanna.

Eppure, se debbo essere sincero, ora in età matura....., forse mi manca più la sua presenza che quella di mia madre.

Con mia madre ho vissuto e diviso tutta la mia vita fino a quando mi sono sposato, a lei confidavo i miei problemi, le mie insicurezze, le mie sofferenze, da lei prendevo gli scapaccioni quando sbagliavo, quando prendevo una nota a scuola (adesso invece i genitori vanno ad aggredire gli insegnanti), anche se poi quando tornava mio padre, spesso prendevo il resto perché lei gli raccontava tutto.

Con mio padre invece ho cominciato ad avere i primi veri scambi di pensiero quando ormai avevo già 22- 23 anni, aveva le mie stesse idee politiche nonostante non ne avessimo mai parlato, sapevo già che era tifoso della Roma, perché insieme la domenica alla radio sentivamo "Tutto il calcio minuto per minuto", o in seguito vedevamo lo sport alla televisione.

Era certamente un uomo burbero, come molti di quella generazione, molto severo, non transigeva su quelle che riteneva fossero le migliori regole per vivere, persino i nostri studi superiori sono stati decisi da lui.

Anche nell'educazione era severo e fermo, per noi era vietato rispondere sgarbati alle persone più grandi, non povevamo fare chiasso nelle scale del palazzo anche quando andavamo incontro a lui che tornava dal lavoro, mia sorella, che era la più grande, fino a 20-22 anni poteva uscire solo se accompagnata da uno di noi fratelli, all'ora del pranzo dovevamo essere a tavola, all'ora di cena non c'era problema, in quanto alle 20 , massimo, dovevamo essere tutti in casa (a Roma in genere si cena verso le 20,30), ecc. ecc., e se qualche volta "uscivamo dalle righe" le punizioni fioccavano.

Teneva molto alla forma, preferiva farsi i fatti suoi, era molto generoso ma anche diffidente, non tollerava la ruffianeria, le raccomandazioni, gli intrallazzi per non parlare della corruzione, non voleva avere obbligazioni con nessuno, sia per orgoglio sia per tranquillità, la sua frase preferita era "nella vita è meglio poter dire grazie solo a se stessi".

La principale raccomandazione "materiale" che ci faceva quando stavamo per affrontare la vita fuori di casa era "prima di sfizi e capricci ci sono tante cose da sistemare, ma se proprio volete, per toglierveli spendete solo i soldi che avete già guadagnato e che vi sono avanzati". Sembra forse banale, ma è un insegnamento che ho poi sempre rispettato ed oggi gliene sono grato.

Era stato un dipendente dell'INPS, per tantissimi anni, una buon posto fisso a quel tempo, erano retribuiti molto meglio degli statali anche se ovviamente non erano privilegiati come i bancari, tranne rare eccezioni lavorava dalle 8 alle 14, 00 circa, sei giorni alla settimana, lavorava al servizio controllo contributi aziendali, ed al suo tavolo si presentavano spesso imprenditori che gli chiedevano di interessarsi della loro pratica, di fare qualche sconto sulle sanzioni, di evitare accertamenti, ecc. ecc., promettendogli, quando addirittura non portandoli direttamente, dei regali, e mio padre andava su tutte le furie, ed il malcapitato poteva considerarsi condannato, in occasione delle festività pasquali e natalizie arrivavano a casa cesti o pacchi regalo, ma la disposizione ricevuta da mia madre era soltanto una "respingere tutto".

Credo sia sintomatico che in un palazzo con oltre 60- 70 famiglie, costruito per i dipendenti dell'Istituto, la nostra fosse l'unica che di ben quattro figli, neanche uno fosse poi impiegato nell'Inps o negli enti a questo collegati, e quando gliene chiedevamo il motivo ci rispondeva sempre con la stessa frase "non mi va di andare a bussare alle porte".

Beh secondo me era un tantino "esagerato".

Quando tornava dal lavoro, dopo il pranzo ed il pisolino, normalmente accompagnava mia madre a fare spese, e appena possibile andava al cinema di cui era un vero appassionato.

Sì, aveva senza dubbio un carattere difficile, molto rigido ed intollerante delle debolezze degli altri, aveva però anche una grandissima qualità, sapeva fare di tutto, in casa non c'era mai bisogno di chiamare i vari artigiani, l'idraulico (che a Roma si chiamava lo stagnaro), l'elettricista o il falegname, era insomma quello che oggi si chiama un esperto nel "far da se".

In casa aveva fatto dei mobili, aveva piastrellato e messo i pavimenti, installato i sanitari in bagno e cucina, dove non arrivava da solo si faceva aiutare dai cugini o dai nipoti, a cui sistematicamente ricambiava la cortesia quando non pagava direttamente le prestazioni.
E' una qualità che ci ha trasmesso e che io sono molto felice di aver imparato anche se purtroppo non al suo livello.

Non era un uomo dal sorriso facile, io per quanto ricordi, credo di aver visto per la prima volta il suo volto veramente sorridente quando è nato mio fratello più piccolo di me di nove anni.

Era un uomo assolutamente attaccato ai valori etici, morali e della famiglia, non molto religioso, spesso la domenica accompagnava mia madre alla messa, poi si siedeva dentro l'auto, mentre l'aspettava per riaccompagnarla a casa, leggeva il giornale che comprava tutti i giorni.

Ha cercato di lasciarci i suoi valori, per molti c'è riuscito, ma sono anche cambiati i tempi, forse quello che maggiormente più ci ha trasmesso è l'orgoglio e la dignità di farsi da soli e di fare di tutto per non esser costretti a dover dire grazie agli altri.

Per ciò che mi riguarda posso solo dire che nonostante non ci fosse stato molto scambio di opinioni tra noi, oggi sono certo che lui mi conoscesse molto, molto di più di quanto io pensassi, fu l'unico che quando espressi il desiderio di sposarmi, pur non opponendosi, confidò poi a mia madre che secondo lui la donna che stavo per sposare non era adatta a me, ma non mi disse mai nulla, e purtroppo dopo sei anni mi divorziai, e fu sempre lui, l'unico, che appena conobbe quella che sarebbe divenuta la mia seconda moglie, mi disse, con gli occhietti vispi e brillanti "Sono contento Enrico, questa sì che è la donna della tua vita" ed è stato un grande amore interrotto solo dal destino.

Due anni dopo la nascita di mia figlia, che lui adorava e viziava, contrariamente a quanto aveva fatto con noi, quello stesso destino ce lo ha portato via, l'unica consolazione che mi è rimasta è che ciò sia avvenuto dopo che si era coronato il suo sogno: "vedere i suoi figli sistemati e felici con le loro famiglie".

Ma perché oggi mi è venuto questo forte desiderio di parlare di mio padre? forse perché sento tanto la sua mancanza?

O forse perché vorrei tanto riuscire a saper parlare con i miei figli, dir loro tutto quello che non sono riuscito a dire in tutti questi anni, far loro capire che pur se non è sembrato mi sono sempre interessato a loro, nonostante anche io, per lavoro, fossi fuori di casa dalla mattina alla sera, e che probabilmente io li conosca molto più di quanto loro sospettino, forse perché vorrei esser stato capace di esternare tutto l'amore che provo per loro, forse perché anch'io vorrei poter morire sereno solo quando i miei figli si siano tutti sistemati e siano felici con le loro famiglie?
Già .... perché?


Enrico Baiocchi 11/11/2015 10:56 2 973

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Enrico BaiocchiPrecedente di Enrico Baiocchi

Nota dell'autore:
«Un po' di nostalgia, o forse solo un desiderio di parlare con i miei figli?»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Ho letto tutto il tuo racconto. Ho avuto l'impressione che fossi a scriverlo io, parlando di mio padre. Qualcuno dice: - erano altri tempi - Si è vero, ma li abbiamo vissuti noi assieme ai nostri genitori e fratelli. Quando mio papà ci lasciò, mancava poco che io andassi in pensione. Quel giorno, guardavo le sue mani immobili e freddi. Pensavo, quanto duro lavoro avevano fatto. Erano pesanti, quando "sempre" il maestro aveva ragione. Anche lui era serio, bastava il suo sguardo fisso, ci sentivamo obbligati ad abbassare gli occhi a terra. Rideva sotto i baffi, parlava poco, e lavorava tanto. Era obbligato, eravamo 6 figli tre maschi e tre femmine. Io ero il maggiore, lui mi riteneva responsabile dei miei fratelli, dovevo dare esempio.»
Miknomi Luccio

«Probabilmente perché con l'età matura, si comprende che spesso il silenzio non parla e,
certe cose vanno dette e fatte ... può essere anche che, una volta che i figli sono grandi e noi con i capelli un po' più bianchi ci si intenerisce nei ricordi ... e si comprenda di quante cose non abbiamo gustato, proprio a causa del pudore di un " ti voglio bene " ...
ma sicuramente perché sei un padre che ama con tutto il cuore e avevi bisogno di dirlo ...
E grazie al cielo, in maturità si perde un po' di quell'orgoglio e si comprende che un abbraccio non è debolezza ma forza.
Un bel racconto sui sentimenti molto dolce e tenero.»
Patrizia Ensoli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Complementi Enrico, molto sentito ed apprezzato (GiunoneGiove)

Avevo l'impressione di scrivere io a mio padre. (Miknomi Luccio)



Vedi i racconti di Enrico Baiocchi:
nella categoria:
dell'anno:












Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Storie infinite
L’inferno azzurro
Una scusa proprio banale
Un amore nato per caso - 5
Un amore nato per caso - 4
Un amore nato per caso - 3
Un amore nato per caso - 2
Un amore nato per caso - 1
Anche Margherita all’outlet
Quando a scegliere non è il cuore
Rivederti a Todi
Un piccolo paradiso
Amore grigio perla
Luna park
Quell'estate rovente
Biografie e Diari
Diventare un vecchio rompi balle
Quella gemma verde tendente al rosso
Il mio ricordo più antico
Lui era mio padre
Erano altri tempi - La nizza
Il rompiballe
Suoni luci e colori
Fantasy
Un ingiustificato allarme
Vacanze romane
Sociale e Cronaca
Regina di Poesia
Così come mamma ci ha fatti

Poesie

Racconti

Amore
Storie infinite
L’inferno azzurro
Una scusa proprio banale
Un amore nato per caso - 5
Un amore nato per caso - 4
Un amore nato per caso - 3
Un amore nato per caso - 2
Un amore nato per caso - 1
Anche Margherita all’outlet
Quando a scegliere non è il cuore
Rivederti a Todi
Un piccolo paradiso
Amore grigio perla
Luna park
Quell'estate rovente
Biografie e Diari
Diventare un vecchio rompi balle
Quella gemma verde tendente al rosso
Il mio ricordo più antico
Lui era mio padre
Erano altri tempi - La nizza
Il rompiballe
Suoni luci e colori
Fantasy
Un ingiustificato allarme
Vacanze romane
Sociale e Cronaca
Regina di Poesia
Così come mamma ci ha fatti


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it